Habitage

il blog dedicato alla casa

By

Come scegliere il camino in base alla tipologia e al tipo di alimentazione

Scegliere il camino significa dare un particolare tocco di stile alla propria casa, ma anche decidere a priori quale possa essere l’efficienza ed il consumo dell’oggetto in esame.

Guida alla scelta del camino

Il camino in origine era un semplice focolare. Posto nel bel mezzo dell’appartamento, presupponeva un piccolo foro nel tetto in corrispondenza della canna fumaria. I primi camini dovevano riscaldare casa ma anche distanziarsi parecchio dalle pareti che erano spesso costruite sfruttando materiali infiammabili come il legno. Con la nascita delle dimore in pietre e mattoni, i caminetti vennero posti a parete.

Al giorno d’oggi possiamo scegliere di installare un camino un po’ dappertutto, optare per una versione classica o per una variante moderna ed elettrica che non necessiti di interventi strutturali, fare del caminetto un oggetto d’arredo o una sorgente di calore oppure ancora combinare le due funzioni.

Tipologia di alimentazione

Scegli adesso il tipo di alimentazione per camino che più si adatta alle tue esigenze.

Camino a legna

Di norma un camino a legna è quello che offre una resa termica minore tra tutte le possibili soluzioni. Sicuramente però è anche quello più capace di creare un’esperienza romantica e suggestiva.

Camino elettrico

Questa variante, ovviamente, funziona grazie all’alimentazione elettrica e lavora per irradiamento. Essa è ideale per i piccoli ambienti e non richiede l’acquisto di combustibile. I consumi in questo caso sono abbastanza alti, ma non bisognerà affrontare le spese relative a lavori murari finalizzati all’installazione.

Camino a pellet

Il funzionamento del camino a pellet è simile a quello di una normale stufa a legna. Se non conosci il pellet ti invito a scoprire di più sul sito Ferramenta Martina. Questa tipologia di camino offre sicuramente una buona resa termica e non ha un alto impatto ambientale.

Camino al bioetanolo

I caminetti a bioetanolo rappresentano una soluzione ecologica capace di offrire un’alta resa termica e di supportare efficacemente i sistemi di riscaldamento più tradizionali. Facilmente collocabile in qualsiasi camera della casa, genera circa l’80% in meno di anidride carbonica rispetto agli altri sistemi di riscaldamento.

Termocamino ad acqua ed aria

Il termocamino ad acqua ed aria rappresenta sicuramente una variazione sul tema all’insegna dell’avanguardia e del cambiamento. Esso consente non soltanto di riscaldare gli ambienti, ma anche di agire nel pieno rispetto dell’ecologia. Il termocamino infatti permette di produrre acqua calda e di mandare definitivamente in pensione gli altri sistemi di riscaldamento presenti in casa, sistemi che il più delle volte inquinano o consumano energia.

In poche parole questo dispositivo è capace di catturare l’aria presente all’interno o all’esterno dell’abitazione e di riscaldarla mediante un piccolo braciere. Compiuta questa operazione, mette in circolo l’aria calda innalzando la temperatura degli ambienti domestici nella loro interezza grazie all’installazione di apposite condutture.

Tipologia di camino

Diverse sono le tipologie di camini tra cui è possibile scegliere. Approfondiamo allora l’argomento.

Camino aperto ventilato

Una delle prime tipologie di camino che andremo ad esaminare è la variante aperta ventilata. Essa si avvale di  un numero variabile di condotti di aereazione che permettono all’oggetto in questione di recuperare gran parte del calore prodotto. La sua efficienza termica è quindi discretamente alta e si aggira sul 40%.

Camino chiuso ventilato

Il camino chiuso ventilato è tra i più efficienti in assoluto: è infatti capace di offrire ai clienti un rendimento pari a circa l’80%. Esso inoltre permette di ammortizzare significativamente le spese legate all’acquisto ed al consumo di combustibile dato che ha durata decisamente superiore rispetto ad altre varianti del prodotto.

Camino aperto o a focolare aperto

Il camino aperto è il classico camino da film: costruito in pietra o in mattoni e custode di una romantica fiamma che non smette di scoppiettare. Si tratta di una soluzione sicuramente ad alto impatto scenografico, ma in fin dei conti non eccessivamente valida dal punto di vista della funzionalità. L’efficienza di questa tipologia di camino è infatti stimata intorno al 20% del potenziale di riscaldamento dato che la dispersione termica in questo caso è elevatissima.

Camino chiuso o a focolare chiuso

Questa tipologia di camino è sicuramente più efficiente rispetto alla precedente dato che ha una resa termica ed energetica pari al 60-80% del suo potenziale. Normalmente l’oggetto è realizzato in ghisa, vetroceramica o acciaio.

Bisogna notare peraltro che si tratta di una soluzione per certi versi più sicura rispetto ad altre visto che isola la fiamma dal contatto diretto. Questo tipo di caminetto può essere alimentato tanto dalla legna quanto dal gas ed in genere funziona per irraggiamento.

Camino prefabbricato

Una variante moderna di caminetto è quella prefabbricata. Si tratta di un blocco preassemblato pronto per l’installazione. Esso andrà semplicemente connesso con la canna fumaria e, soltanto in certi casi, montato in alcune piccole parti.

 

By

Isolamento termico: come coibentare una casa

L’isolamento termico dei muri perimetrali di un’abitazione è fondamentale per garantire all’interno dell’ambiente un clima più caldo in inverno e più fresco d’estate.

Read More

By

Come realizzare un tavolo in resina epossidica

Se avete visto un tavolo realizzato in resina epossidica certamente siete rimasti affascinati dalla sua bellezza. Probabilmente la mossa successiva sarà stata quella di cercarne qualcuno e avrete notato che il costo non è proprio economico.

Read More

By

Letto pieghevole Mondo Convenienza: la soluzione in caso di ospiti a casa

Non tutte le case hanno a disposizione una camera in più dove poter ospitare parenti o amici per la notte. Ma anche qualora ci fosse questa disponibilità probabilmente in quella stanza mancherebbe il letto.

Read More

By

Come progettare un giardino: le regole base da seguire

Avete uno spazio all’aperto che volete trasformare in un giardino? Siete in buona compagnia visto che come scritto su coldiretti.it il 63% degli italiani occupa una parte del suo tempo libero alla coltivazione e alla cura di prodotti come piante e verdure, sia nell’orto che sul balcone.

Read More

By

Distanziatori livellanti a vite per facilitare la posa delle piastrelle

Per la posa di pavimentazioni con piastrelle a basso spessore o con lastre di formati molto grandi vengono utilizzati i distanziatori livellanti.

Read More

By

Arredare riciclando: mobili di recupero per il riciclo creativo

Hai voglia di cambiare i mobili di casa ma non disponi del budget per sostituirli? Non è un problema, anzi, forse è una fortuna perchè puoi orientarti su una nuova filosofia: quella del ricicla, riusa, riduci.

Read More

By

Illuminazione interni: come illuminare ogni ambiente di casa

L’illuminazione degli ambienti interni di un’abitazione riveste un ruolo di grande importanza nel momento in cui si sceglie di arredare ex novo una casa o in fase di ristrutturazione.

Read More

By

Bocchettoni messicani: la soluzione ideale per balconi e terrazze

I bocchettoni in TPE, comunemente chiamati anche bocchettoni messicani, servono per raccordare i manti impermeabili bituminosi di copertura di terrazzi e balconi con gli scarichi pluviali.

Read More

By

Kerlite: il pavimento sottile, leggero e resistente

La kerlite è un tipo di ceramica o meglio un gres laminato di elevata qualità. A produrlo è Cotto d’Este che lo ha ideato nel 2004.

Read More

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi